Il nostro hotel a Merano e la sua storia

Lo sviluppo artistico per diventare un esclusivo hotel a 4 stelle a Merano

Il nostro hotel a Merano vanta una tradizione secolare: costruito nel 1899 in stile Liberty, fu un'istituzione in città come Café Imperial, pasticceria e torrefazione.

Nel 1923, Josef Schlechtleitner, a quel tempo capo portinaio del Grand Hotel Emma a Merano, diede alla caffetteria uno stile viennese e la ribattezzò Café Westminster: in poco tempo divenne un luogo d'incontro di appassionati d'arte e spiriti raffinati. Un'ospite illustre, l'arciduchessa di Pistoia che adorava il cognac, richiese la licenza per vendere alcolici per la torrefazione e ci riuscì.

Il Westminster resistette senza danni alla Seconda Guerra Mondiale e rimase il luogo d'incontro dei cittadini appassionati di cultura. Solo il nome dovette cambiare perché suonava troppo inglese per i fascisti. Schlechtleitner scelse Café Imperial come la caffetteria di Vienna. I fascisti pensarono che il nome fosse un omaggio all'ambizione imperiale italiana e furono contenti.

Nel 1971 Klaus, figlio di Josef Schlechtleitner, e sua moglie Erna rilevarono la torrefazione e la rinnovarono. Nacque così, sotto la guida di Herbert Kinkeling, un moderno locale in stile Anni '70 con sedie bianche tulip e tappezzeria tipica di quel tempo in arancio e rosso.

Nel 2009 Alfred Strohmer acquisì la torrefazione e le camere di fronte con l'idea di creare un hotel molto particolare a Merano. In collaborazione con Herta Wolf Torggler, direttrice di Merano Arte, con gli artisti Elisabeth Hölzl, Ulrich Egger e Marcello Jori, oltre all'architetto Harald Stuppner, nacque così l'ImperialArt, il nostro hotel a 4 stelle a Merano.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità orientata alle tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento tranne che al link sopra indicato, acconsenti automaticamente all’uso dei cookie.
OK